top of page

Provincia di Trapani

*Vengono indicate le traduzioni e trascrizioni quando fornite dai parlanti.

Alcune registrazioni contrassegnate con ** iniziano con la frase standard tradotta così in italiano: 
"Ha piovuto a dirotto tutta la settimana, speriamo che da domani torni il bel tempo". In questi casi non verrà indicata la traduzione di questa frase.

N.229: Monia (Trapani, Siciliano occidentale)

N.229Monia
00:00 / 00:09

Data registrazione: 17/01/23

Traduzione (dalla favola "Re Mida", G. Rodari, Favole al telefono):

Corse subito dal mago Apollo per farsi disfare l'incantesimo, e Apollo lo accontentò.

Età della parlante: 27 anni

Trascrizione (della parlante):

Curriu tuttu na nabbotta ni lu mago Apollo pi farisi scunzari l’incantesimo, e Apollo l’accuntintao.

N.284: Monia (Trapani, Siciliano occidentale)

N.284Monia
00:00 / 00:03

Data registrazione: 27/06/23

Trascrizione (della parlante):

Unn'ajo cchiù picciule.

Età della parlante: 27 anni

Traduzione (della parlante):

Non ho più soldi.

N.306: Monia (Trapani, Siciliano occidentale)

N.306Monia
00:00 / 00:09

Data registrazione: 07/04/23

Traduzione (dalla favola "Il pulcino cosmico" di G. Rodari, Favole al telefono):

Come siete indietro su questo pianeta, - osservò, - qui è appena Pasqua; da noi, su Marte Ottavo, è già mercoledì.

Età della parlante: 27 anni

Trascrizione (della parlante):

Comu siti nnarre ni sto pianita - ossijvao - ccà è appena Pasqua; ni niavutre, supra Majte Ottavo, è già mejcure.

N.339: Monia (Trapani, Siciliano occidentale)

N.339Monia
00:00 / 00:24

Data registrazione: 26/10/23

Trascrizione (della parlante):

Ravanzi a mia, nta raggiu ri l’astru nottujnu, eranu tri fimmini picciotte, dame ’nta l’abbigghiamentu e nu trattu. O primu virile, haju creiruto ri sunnari picchì, puru ca avìssinu a luna a li spaddi, nun pruittavanu nuddra ummira supra u pavimentu. Mi si ncugnaru, taliannumi pi n’anticchia, dunca ciuciuliaru tra r’iddri.

Età della parlante: 27 anni

Traduzione (dalla traduzione italiana di Dracula di B. Stoker):

Di fronte a me, nel raggio dell'astro notturno, erano tre donne giovani, dame nell'abbigliamento e nel tratto. Al primo vederle, ho creduto di sognare perché, sebbene avessero la luna alle spalle, non proiettavano ombra alcuna sul pavimento. Mi si sono accostate, guardandomi per un po', quindi sussurrando tra loro.

bottom of page