Provincia di Sondrio

*Vengono indicate le traduzioni e trascrizioni quando fornite dai parlanti.

Alcune registrazioni contrassegnate con ** iniziano con la frase standard tradotta così in italiano: 
"Ha piovuto a dirotto tutta la settimana, speriamo che da domani torni il bel tempo". In questi casi non verrà indicata la traduzione di questa frase.

N.36**: Vittorio (Albosaggia, Bósàc')

N.36Vittorio
00:00 / 00:07

Età del parlante: 70 anni

Data registrazione: 15/06/21

Trascrizione (del parlante):

Là pioüut a diróta tǜta la sitimàna, sperém ca da domàa 'l tórnes ol bèl tèep.

N.37: Vittorio (Albosaggia, Bósàc')

N.37Vittorio
00:00 / 00:05

Età del parlante: 70 anni

Data registrazione: 15/06/21

Trascrizione (del parlante):

Andàa ‘n piàzza a ciapàa cunsìgli e tornàa a cà a fàa cóma se gha òia.

Traduzione (del parlante):

Andare in piazza a prendere consigli e tornare a casa a fare come si vuole.

N.38: Anna (Albosaggia, Bósàc')

N.38Anna
00:00 / 00:06

Età della parlante: 70 anni

Data registrazione: 16/06/21

Trascrizione (del parlante):

Brüsàa legna verda e maiàa pàa frèsch, se va ‘n malùra prèst.

Traduzione (del parlante):

Bruciare legna verde e mangiare pane fresco si va presto in malora.

N.39: Anna (Albosaggia, Bósàc')

N.39Anna
00:00 / 00:05

Età della parlante: 70 anni

Data registrazione: 16/06/21

Trascrizione (del parlante):

Li cà iè fàci sü de sàs e tüti li gh'à 'l sò fracàs.

Traduzione (del parlante):

Le case sono fatte di sassi e hanno tutte i loro rumori.

N.40: Anna (Albosaggia, Bósàc')

N.40Anna
00:00 / 00:06

Età della parlante: 70 anni

Data registrazione: 16/06/21

Trascrizione (del parlante):

‘n às èn costa e ‘na femna ‘n piàa li porta òl dóm de Milaa.

Traduzione (del parlante):

Un’asse ritta per la larghezza e una donna sdraiata portano il duomo di Milano.

N.41: Anna (Albosaggia, Bósàc')

N.41Anna
00:00 / 00:05

Età della parlante: 70 anni

Data registrazione: 16/06/21

Trascrizione (del parlante):

Tè cà da bìif gió tüt chèl cà i te cünta sü.

Traduzione (del parlante):

Non devi credere a tutto quello che ti raccontano.

N.42: Anna (Albosaggia, Bósàc')

N.41Anna
00:00 / 01:01

Età della parlante: 70 anni

Data registrazione: 16/06/21

Trascrizione (del parlante):

Ol Brunìi di Cùp.

Ol zio Bruno, ai ghe diseva al Brunii di Cup, ca l’era in om de bùu cöor, cal stava ca iló a curàa la ròba, coma i fava taac, pronc’ a scorentaa a i rèdes ca i pruava magari a töo gió en pir marüt dal sò pirer.

Lüu l’era contèet da daghen a ca i òtri de la sua ròba sènsa pretent nient. Chel pòoch ca'l podeva, se sa.

L’era en “barba” cioè al s’era ca sposàat, ma l’era ‘n om de compagnia e al ghè piaseva grignàa e schersàa.

Par chi che pasava da ca sua, al ghera sempre en calès de vii da bìif e na quai matòcada da cünta sü; e sa iera róbi seri chili ca 'l diseva, al ghè fava sü istess 'na quai cucola schersosa.

Ónsi de sapiènza e, ‘nsema, de lengérèeza sfazada, ca la vita la pesa già abòt…

Traduzione (del parlante):

Lo zio Bruno, che era un uomo di cuore, gli diceva al sign. Brunii di Cup, che non stava li a curare il raccolto come facevano tanti , pronti a far scappare i bambini che magari provavano a cogliere una pera matura dal suo pero. Lui era contento di poter dare qualcosa anche agli altri senza pretese. Si sa, quel poco che poteva. Era un uomo non sposato, era un uomo di compagnia e gli piaceva ridere e scherzare. Per quelli che passavano da casa sua c'era sempre un calice di vino da bere e una qualche storiella scherzosa da raccontare ; e se raccontava cose serie trovava comunque un qualche commento scherzoso. Once di sapienza insieme a un po' leggera che la vita è già a sufficienza pesante di suo.

N.43: Anna (Albosaggia, Bósàc')

N.42Anna
00:00 / 00:26

Età della parlante: 70 anni

Data registrazione: 16/06/21

Trascrizione (del parlante):

L’acqua la se fa capii

L’acqua la se fa capii e ‘l mont l’è viif par so meret:
la vee gió par i rógiai e par li vai,
la se ferma ndeli puciachèri,
la se möof gió ndeè maàr e la va sǜ ndèl ciel,
la piöof a squazadù e la fioca a piaa a piaa,
la bói e la fa la glasc’,
la vee fó da li pesoli e dai rubinec’; l’è limpèda o cólobbia tórbóla, ciara o verderam.

Traduzione (del parlante):

L'acqua si fa capire L’acqua si esprime in tanti modi e rende vivo il mondo: scorre nei ruscelli e nei fiumi, si ferma in pozzanghere, si muove nel mare e sale in cielo, piove in rumorosi acquazzoni e nevica in silenzio, bolle e fa il ghiaccio, esce da fontane e rubinetti, è limpida o torbida sciacquatura, chiara o verderame.

N.44: Vittorio (Albosaggia, Bósàc')

N.43Vittorio
00:00 / 01:12

Età del parlante: 70 anni

Data registrazione: 16/06/21

Trascrizione (del parlante):

De'n sü de somartìi.

'Ndèla ària 'nsognèeta
'l sùul da somartìi 'l se pùgia, belebée-duls,
sǜ 'ndi pràac’ e sǜ 'ndi bósch
e 'l fà lüus ai làres e a tüc i tósch.

I còlc' e rusìsc’ cólóor
i te 'nciùca i ṍc’ e 'l cöor.

'N sùu smorensàat, lóntàa;
'l sùna i zampógn
dèli vàchi e dèli caòri 'ndi pràac’, ai regòrda i mée sógn
dè quanca seri rèdes.

Odóor dè tèera, dè mǜs-c’
saóor dè vìta 'ndèl patüsc'.

La sìra li umbrìi, órmài sü ólti,
li se pèert èn spàzi profónc'
e 'l Liri làigió 'ndèla vàl,
al canta sempri, lengéer,
i stòri dè 'n bòt.

Li scìmi a lóor a scoltàa,
ilò franchi sènsa fiadàa.

Silènsi dè pàas dèla nòc’;
'ndèl scǜr, a l'impruisa,
'l suna la sciguèta
'l sò cant par spéciàa
de 'ndàa a lèc' dèndomàa.

Traduzione (del parlante):

Sui maggenghi d'autunno.

Nell' aria sonnolenta
il sole autunnale si posa, dolcissimo,
sui prati e sui boschi
e illumina larici e tutti gli arbusti.

I caldi rossicci colori
ti inebriano gli occhi e il cuore.

Un suono smorzato, lontano; suonano i campanacci
delle mucche e delle capre nei prati,
rammentano i miei sogni di un tempo bambino.

Odore di terra, di muschio,
sapore di vita nel fogliame.

La sera le ombre, ormai lunghe,
si stendono in spazi profondi
e il Livrio laggiù nella valle,
canta sempre, leggero,
le storie di un tempo.

I monti anche loro ad ascoltare,
li fermi senza fiatare.

Silenzio di pace notturna;
nel buio, all'improvviso,
suona la civetta
il suo canto per aspettare
di andare a letto al mattino.