top of page

DeVulgare Forum: primo incontro dedicato all’apprendimento delle lingue locali nell’istruzione.


primo incontro DeVulgare Forum
primo incontro DeVulgare Forum


Collaborazione, condivisione e dialogo: questi sono sicuramente stati gli auspici sotto ai quali si sono riuniti i partecipanti per la prima sessione del DeVulgare Forum.


L’evento inaugurale di questo nuovo progetto ha affrontato come argomento principale il nodoso ma interessante tema delle lingue locali nell’istruzione.

Già durante gli Stati Generali delle Lingue Locali dello scorso settembre, la sessione dedicata a "Istruzione e lingue locali: quali ostacoli e quali opportunità”, aveva coinvolto particolarmente tutti i partecipanti e con questo primo incontro il Forum ha dimostrato l’importanza di continuare il dibattito in maniera costruttiva e ha peraltro confermato la necessità di dare più spazio a una maggiore varietà di vedute.


Tra i partecipi c’erano anche molte facce familiari già presenti agli Stati Generali, come: il Professore Francesco Avolio che ha portato al tavolo la sua conoscenza accademica sulla questione; DJ Tubet che ha potuto raccontare la sua azione di divulgazione del suo friulano nelle scuole e la Dott.ssa Pellegrino dell’Espaci Occitan che ha testimoniato di prima mano la realtà difficile in cui versa la preservazione dell’occitano in Piemonte. Questi sono solo alcuni dei nomi che hanno dato il loro contributo, anche attraverso le proprie esperienze personali, ad una conversazione che è stata caratterizzata da un senso di amicizia e passione comune.


Dallo scambio sono emersi sia alcuni punti condivisi sia alcuni temi che necessitano di maggiore riflessione. Ad esempio, molti si sono dimostrati d’accordo con il Dott. Luigi Petrone, studioso del dialetto di Corigliano Calabro e autore del libro “Viaggio nel dialetto coriglianese. Come nasce, come cambia e come funziona un dialetto calabrese, sul fatto che l’istruzione in lingua locale debba avvenire in modo più “naturale” rispetto all’insegnamento di altri idiomi. La lingua madre di ognuno è infatti fondamentalmente legata al suo contesto sociale immediato e anzi, come suggeriva Petrone, andrebbe utilizzata proprio la sua funzione sociale come fattore motivazionale nel suo apprendimento per le nuove generazioni.


Per quanto riguarda invece quegli aspetti ancora da chiarire, sui quali non c’è un consenso ben definito, vi sono ad esempio il tema dei materiali di studio, nonché le modalità di erogazione di tale insegnamento. Una proposta avanzata da Alessio Tozzi è stata quella di utilizzare il modello già vigente per le lezioni di religione, per le quali è permessa l’esenzione se i genitori o i tutori dello studente ne fanno richiesta. In sintonia con quanto espresso prima da DJ Tubet, il Prof. Avolio invece ha sottolineato che oltre alla classe tradizionale sono molte le sedi nelle quali i giovani possono essere esposti alla loro lingua locale. Tra queste vi è il teatro, uno strumento che ha saputo anche storicamente sfruttare le potenzialità della diversità linguistica esistente.


Il secondo incontro di DeVulgare Forum si terrà venerdì 26 Maggio dalle 18:00 alle 19:30 su Google Meet e la scelta dell’argomento da trattare avverrà tramite un sondaggio tra i partecipanti e gli invitati della scorsa edizione.


Se siete interessati a partecipare, iscrivetevi tramite questo breve form.



Per maggiori informazioni potete contattarci al nostro indirizzo e-mail info@devulgare.com

oppure attraverso i nostri canali social Facebook e Instagram




Vi aspettiamo al prossimo incontro di DeVulgare Forum!


107 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page