top of page

Città Metropolitana di Cagliari/Casteddu

*Vengono indicate le traduzioni e trascrizioni quando fornite dai parlanti.

Alcune registrazioni contrassegnate con ** iniziano con la frase standard tradotta così in italiano: 
"Ha piovuto a dirotto tutta la settimana, speriamo che da domani torni il bel tempo". In questi casi non verrà indicata la traduzione di questa frase.

N.76: Paolo (Casteddu - Cagliari, Sardo)

N.76Paolo
00:00 / 00:17

Traduzione (del parlante):

Devi venire a conoscere la Sardegna che è bella e c'è un bel mare. Io sono Paolo e qua siamo tutti amici. Hai capito?

Data registrazione: 21/10/21

N.286: Michela (Uda - Uta, Sardo campidanese)

N.286Michela
00:00 / 00:04

Data registrazione: 28/06/23

Trascrizione (della parlante):

Est s'amori chi fait una familia.

Traduzione (della parlante):

È l'amore che crea una famiglia.

N.304: Riccardo (Cuartu Sant'Alèni - Quartu Sant'Elena, Sardo campidanese)

N.304Riccardo
00:00 / 00:25

Data registrazione: 07/04/23

Età del parlante: 34 anni

Trascrizione (del parlante):

S'annu passau, a Pasca Manna, in sa domu de su Prof. Tibolla, ddu scideis ita nci est bessiu de s'ou? Unu puddighineddu còsmicu, lindepintu is puddighinedd@s chi nci funt in sa Terra, ma cun unu boneteddu de Capitanu in conca e, in pitzu, s'antenna de sa televisione!

Traduzione (dalla favola "Il pulcino cosmico" di G. Rodari, Favole al telefono):

L’anno scorso a Pasqua, in casa del professor Tibolla, dall’uovo di cioccolata sapete cosa saltò fuori? Sorpresa: un pulcino cosmico, simile in tutto ai pulcini terrestri, ma con un berretto da capitano in testa e un’antenna della televisione sul berretto.

N.350: Riccardo (Cuartu Sant'Alèni - Quartu Sant'Elena, Sardo campidanese)

N.350Riccardo
00:00 / 00:32

Data registrazione: 26/10/23

Età del parlante: 34 anni

Trascrizione (della parlante):

Cun d-una boxi, puru chi bàscia bàscia, agiummai unu burbutu, parriat iscorriendi s'ària e intronendi totu s'aposentu:

"Cumenti si permiteis, bosatras, de ddu tocai? Cumenti si permiteis de ddu castiai!

Cust'òmini apartenit a mei!

Labai de no s'acostai, asinunca eis a biri!"

Traduzione (dalla traduzione italiana di Dracula di B. Stoker):

Con voce che, sebbene bassa, anzi quasi un sussurro, sembrava squarciare l'aria e rimbombare nella stanza, ha detto: "Come osate toccarlo, voialtre? Come osate mettergli gli occhi addosso, quand'io ve l'ho proibito? Indietro, vi dico! Quest'uomo appartiene a me! Attente a non tentare di avvicinarlo, o avrete a che fare con me".

bottom of page